Warning: Use of undefined constant ‘wp_enqueue_scripts’ - assumed '‘wp_enqueue_scripts’' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /homepages/30/d610230828/htdocs/app717551650/wp-content/themes/hotel-galaxy-child/functions.php on line 2

Warning: Use of undefined constant ‘carica_stili_parent’ - assumed '‘carica_stili_parent’' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /homepages/30/d610230828/htdocs/app717551650/wp-content/themes/hotel-galaxy-child/functions.php on line 2
Disfunzione temporo-mandibolare – physio4every1

Disfunzione temporo-mandibolare

cmd

Disfunzione temporo-mandibolare

Sintomi come

  • mal di testa
  • dolori cervicali
  • vertigini
  • ronzio auricolare
  • problemi di deglutizione

per citarne solo alcuni, sono spesso determinati da disfunzioni dell’apparato preposto alla masticazione.

Per la terapia di diversi quadri clinici di natura ortopedica non è più possibile pensare di prescindere da una collaborazione tra il dentista e il fisioterapista per quanto concerne la diagnosi e il trattamento di problemi legati all’articolazione temporo-mandibolare.

Se si pensa che l’articolazione temporo-mandibolare si apre e si chiude ogni giorno tra le 1500 e le 2500 volte, è facile intuire come nessun altro organo si muova con la stessa frequenza. La causa di simili disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare, altrimenti dette disordini o disfunzioni CMD (cranio-mandibolari), va ricercata per lo più in un problema della muscolatura, dei tessuti molli dell’articolazione o nell’articolazione stessa. Un colpo di frusta, la rottura di un frammento dentale o una caduta, per esempio una scivolata sulle scale, sono sufficienti per determinare una differenza in altezza tra i molari del lato destro e quelli del sinistro.

L’approccio fisioterapeutico non prevede alcuna modifica direttamente interessante il morso ma si concentra sull’armonizzazione di tutti i muscoli coinvolti direttamente o indirettamente nell’apparato stomatognatico.

Si può inoltre mobilizzare articolazioni della colonna vertebrale che presentino una riduzione della mobilità per affrontare alla radice la causa del problema.

Per chiarire il problema di fondo, se cioè il mal di schiena sia dovuto a problemi dell’articolazione temporo-mandibolare o viceversa, è necessario integrare la consulenza di un dentista. Il dentista potrà infatti chiarire definitivamente se l’occlusione (e cioè la relazione di contatto tra i denti) sia migliorata o meno grazie all’intervento fisioterapico.

Una panoramica dentale potrebbe essere particolarmente utile in questi casi, per stabilire se le articolazioni abbiano un rapporto simmetrico a livello di base e testa dell’articolazione o se non abbiano alcun influsso sulla causa dei malesseri.

Cos’è l’Articolazione Temporo Mandibolare
L’articolazione temporo-mandibolare è una delle articolazioni più complesse del nostro corpo: collega la mandibola al cranio e permette di parlare, masticare, deglutire e compiere movimenti mimici.
Disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare: cause e sintomi
Quando sono presenti disturbi delle funzioni dei muscoli masticatori e/o alterazioni e deficit del movimento, lo stesso movimento articolare temporo mandibolare viene compromesso, causando disturbi di vario tipo. I sintomi più diffusi dei disturbi a questa articolazione sono:

  • affaticamento durante la masticazione, lo sbadiglio o semplicemente nell’aprire la bocca
  • dolore all’articolazione, sia a riposo sia durante il suo utilizzo (per esempio mangiando o parlando)
  • rumori causati dall’articolazione quando si apre o si chiude la bocca: click, scrosci, rumori a sabbia
  • limitazione e/o rigidità nell’apertura della bocca fino al blocco vero e proprio
  • dolore sordo al viso con tensione dei muscoli mimici e dei muscoli masticatori
  • mal di testa: cefalee tensive e muscolo-tensive
  • sensazione di rigidità al viso
  • tensione che parte dal collo fino al capo con difficoltà di movimento
  • dolore all’orecchio che può irradiarsi al viso
  • acufeni (fischi alle orecchie)
  • ipoacusie
  • vertigini
  • dolore all’A.T.M. quando si appoggia la testa sul cuscino

Problemi collegati ai disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare

I disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare possono condurre a problemi di vario tipo, spesso legati ai sintomi sopra elencati.

Ecco le disfunzioni più comuni:

  • riduzione dell’apertura della bocca o limitazione nel compiere alcuni movimenti
  • rumori nel muovere l’articolazione
  • difficoltà a mangiare e parlare
  • mal di testa o mal d’orecchio
  • tensione muscolare ai muscoli masticatori
  • alterazione della masticazione

Cause dei disturbi all’articolazione temporo-mandibolare

Le cause dei disturbi all’A.T.M. sono numerose.

Ecco le più comuni:

  • digrignamento o serramento dei denti (bruxismo)
  • traumi sull’articolazione, come fratture del condilo e della mandibola
  • operazioni
  • colpo di frusta
  • disturbi infiammatori come artrosi o artrite
  • occlusione sbagliata della bocca
  • situazioni fisiche e mentali molto stressanti.

La rieducazione fisioterapica si avvale di particolari trattamenti:

Drenaggio linfatico manuale

Conosciuto come linfodrenaggio, è un trattamento che ha importante applicazione quando esistono gonfiori al viso determinati per esempio dal ristagno di tipo linfatico dovuto a parafunzioni come il digrignamento.

Massoterapia decontratturante

Terapia manuale che, attraverso varie tecniche di massaggio, risolve contratture della muscolatura masticatoria mimica e cervicale e disattiva eventuali zone grilletto o trigger points, che sono particolari disturbi della muscolatura che danno origine al dolore.

Esercizi e tecniche di recupero funzionale

Sono esercizi finalizzati al recupero della funzione masticatoria. Vengono eseguiti sotto attento e diretto controllo dello specialista: il paziente impara successivamente a mantenere i risultati raggiunti attraverso esercizi eseguiti a casa autonomamente.

Rieducazione posturale

Sono esercizi di correzione posturale che, associati a una corretta ginnastica respiratoria, accompagnano la rieducazione fisioterapica dell’A.T.M. qualora sia presente un’errata postura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *